Mamme 2.0
Digitali, geek e tecnologiche
Mamme e lavoro
Per conciliare famiglia e carriera
Mamme Vip
Un occhio discreto sotto i riflettori
Tate e Nonni
Baby sitting: come organizzarsi

Giocare, Speciali - Jun 21, 2012

Saluti e baci, le cartoline secondo Bruno Munari

Saluti e baci, le cartoline secondo Bruno Munari

Ho ricevuto in regalo alcuni mesi fa un delizioso libro di Bruno Munari, Saluti e baci. Un libricino delizioso che racconta “esercizi di evasione” alla portata di tutti.

L’idea nasce in occasione di una vacanza a “R.T. in Liguria, dove c’è un bellissimo cantiere navale, in fondo alla spiaggia verso il levante”. Munari e la moglie comprano un po’ di cartoline da mandare agli amici. Cartoline normali, con paesaggi, chiese, spiagge.

“Alcune erano curiose come inquadratura e si prestavano a giochi di parole nei saluti, altre ci suggerivano loro stesse, di tagliarle e ricomporle in altro modo, oppure di bucarle, di decolorarle, di modificarne la forma che di solito è solo rettangolare, sempre uguale.
Fu così che nacquero diverse categorie: quelle bucate, quelle decolorate, quelle riflesse, quelle ricomposte con pezzi diversi, quelle modificate con l’aggiunta di filo… Fu così che le cartoline normali vennero personalizzate come si vede dagli esempi riprodotti in questo libro, esempi che vi consigliamo di copiare, o meglio di inventarne altri effetti per personalizzare i vostri saluti.”


Noi abbiamo preso il consiglio alla lettera: non ci siamo soffermati su tecniche troppo complicate e abbiamo cercato modalità più “nostre” per personalizzare come disegnare la cartolina con pennarelli indelebili o appicicarci adesivi e riempirla di timbrini. Molto divertente anche passare un filo rosso con l’ago nelle finestre e ritagliare con le forbicine gli archi, come nei libri con i buchi della prima infanzia. L’idea entusiasmante, che ovviamente è quella di Munari, è proprio quella di trasformare in un momento creativo l’invio delle cartoline, trasformandole in piccoli progetti d’arte.

Le cartoline raccolte sul libro sono certamente più raffinate e concettuali ma l’esercizio (d’evasione, appunto) è proprio quello di osservare la cartolina e cercare di vederla in modo diverso, creativo, per scegliere come trasformarla e decorarla.
Anche se, oggi come oggi, di cartoline se ne inviano poche, quella di Saluti e Baci è un’idea da mettere in valigia.

Lascia un commento a SMamma!