Mamme 2.0
Digitali, geek e tecnologiche
Mamme e lavoro
Per conciliare famiglia e carriera
Mamme Vip
Un occhio discreto sotto i riflettori
Tate e Nonni
Baby sitting: come organizzarsi

Speciali, Vestirsi - Oct 19, 2010

Life is Good

Life is Good

Questo è uno di quei post che farebbe la felicità di qualsiasi brand volesse promuovere una campagna di buzz marketing.
Ma non è un post su commissione né tantomeno retribuito (come sapete, lo preciso sempre). E’ un post dedicato a un marchio che ho molto amato e che mi è “riapparso” tre mesi fa. Certo il post avrei voluto farlo allora ma si sa come vanno certe cose…

Life is Good è un brand americano nato dall’entusiasmo di due fratelli e che propone, essenzialmente, magliette dalla grafica accattivante e decisamente “positiva”. Come dire, un’iniezione di buonumore solo a guardarle.

Anni fa, scoprii questo marchio a Boston e me innamorai perdutamente.
E quando, in un desolante luglio, mi è capitato di entrare nella Stazione Centrale di Milano e trovare un corner shop con la faccia sorridente di Jack (questo il nome dell’omino protagonista di molte grafiche) è stato come se qualcuno mi desse una pacca sulla spalla e mi sussurrasse “Ehi, andrà tutto bene”.

Immagino che molti marchi vorrebbero suscitare emozioni così confortanti. Anche perché, inutile dirlo, non ho resistito alla tentazione e sono volata dentro a comprare due magliette per mio figlio.

Ho così scoperto che sono presenti diversi temporary shop in alcune città italiane e che, in ogni caso, è ora possibile fare acquisti online direttamente dal rivenditore italiano sul sito JakeStore.eu.

Conosco e apprezzo la qualità delle magliette, sia per i materiali che le rifiniture ma se anche voi sarete conquistate da disegni e messaggi, potete scegliere anche cappellini, calze, mug, quaderni…

Di buono, in tutti i sensi, c’è che, nella filosofia di Life is Good, sono previsti dei prodotti i cui ricavati sono interamente devoluti alla Life is Good Kids Foundation che si propone di aiutare bambini dalla storia difficile perché “Life can hurt, play can heal”. Una filosofia tutta al positivo declinata nei colori, nei soggetti, nei messaggi riportati come piccole applicazioni o stampate all’interno.

Su una di quelle che ho acquistato, ad esempio, c’è un piccolo riquadro applicato con su scritto “Do what you like. Like what you do”: certe cose è bene impararle fin da piccoli (inglese permettendo).

Lascia un commento a SMamma!