Mamme 2.0
Digitali, geek e tecnologiche
Mamme e lavoro
Per conciliare famiglia e carriera
Mamme Vip
Un occhio discreto sotto i riflettori
Tate e Nonni
Baby sitting: come organizzarsi

A Scuola, Segnalazioni e comunicati stampa - Jun 11, 2010

Roma, genitori e bambini imparano l’inglese insieme

Roma, genitori e bambini imparano l’inglese insieme

Progetto in una scuola dell’infanzia pubblica di Roma. Genitori soddisfatti: i nostri figli entusiasti di imparare l’inglese, e anche noi abbiamo imparato molto

A tre mesi dal suo avvio, si sta concludendo il progetto pilota Learn with Mummy organizzato dalla Scuola dell’Infanzia Piazza Gaslini in collaborazione con Bilingue per Gioco e con il sostegno della Provincia di Roma. Due gruppi, composti da 10 bambini ciascuno, tra i 2 e i 5 anni, si sono incontrati insieme ad un genitore per 10 lezioni, o come li chiamano loro, Playgroups. I Playgroups sono condotti esclusivamente in inglese da un’insegnante esterna che, oltre a proporre delle attività di gioco sul posto, dà ai genitori stimoli, motivazione e materiali per continuare a giocare in inglese anche a casa.

I risultati sono stati molto superiori alle aspettative: alla fine dei corsi ai genitori è stato infatti somministrato un questionario dal quale è emerso che il 90% di loro ritiene che il bambino abbia imparato molti vocaboli in inglese e soprattutto abbia sviluppato una familiarità con la nuova lingua e il desiderio di impararla. Sempre il 90% dei genitori ritiene che anche il proprio inglese sia migliorato e, grazie ai Playgroups, anche la comunicazione genitore-bambino si sia arricchita.

Molti genitori raccontano come siano i bambini stessi a chiedere i nomi delle cose in inglese, al di fuori degli orari dei Playgroups. La mamma di Dario dice: “Mostra molto interesse per la seconda lingua, tende a ripetere spesso le parole che conosce e gli piacciono molto le canzoncine che ha imparato”. “Usa espressioni elementari idiomatiche in inglese” spiega ancora la mamma di Matilde. “Canta [in inglese], ha una buona pronuncia di oggetti, animali e colori che spesso colloca in intere frasi. Ha sviluppato orecchio per l’Inglese, riuscendo a ripetere con facilità parole nuove” dice infine la mamma di Aurora.

Questo progetto, realizzato anche con il supporto dell’Associazione il Melograno, è stato possibile grazie all’ottima collaborazione tra pubblico e privato. Il consigliere provinciale Massimo Caprari ha appoggiato il progetto “perché ho intuito che c’era qualcosa di nuovo, un approccio di cui non avevo mai sentito parlare prima, che poteva dare una vera chance sia ai bambini che ai genitori motivando e responsabilizzando i genitori stessi”. La dirigente scolastica e le insegnanti del Gaslini hanno dato pieno appoggio e supporto. Nunziatina, una delle insegnanti, dice: ”Non credevo fosse possibile insegnare l’inglese anche ai bambini più piccoli, invece ho visto che più sono piccoli e più imparano, e anche io ho imparato molto da questa esperienza”.

Risultati davvero incoraggianti suffragati dalla richiesta quasi unanime dei genitori di continuare anche l’anno prossimo, pagando anche personalmente almeno una parte dei costi.

Bilingue Per Gioco, www.bilinguepergioco.com, è il primo blog italiano ad occuparsi del bilinguismo in tutte le sue forme e di apprendimento precoce delle lingue straniere, offrendo ai genitori supporto, occasioni di confronto e il parere di esperti. Bilingue per Gioco organizza anche Playgroup per l’apprendimento precoce delle lingue straniere in diverse città e sedi. Per informazioni bilinguepergioco@yahoo.com

Lascia un commento a SMamma!